www.projectfinancing-giurisprudenza.it

Cerca

Vai ai contenuti

Tribunale Amministrativo Regionale SICILIA - Catania Sezione 3 - Sentenza del 22 dicembre 2009, n. 2202 - Massima

Si applica anche alle procedure di project financing il disposto dell'art. 2, quinto comma, della legge 241/1990 (nel testo risultante dall'art. 3, comma 6-bis, del d.l. 14 marzo 2005, n. 35, conv. con L. 14 maggio 2005, n. 80), secondo il quale, decorsi i termini fissati per la conclusione dei procedimenti, il ricorso avverso il silenzio dell'amministrazione pu˛ essere proposto anche senza necessitÓ di diffida, "fintanto che perdura l'inadempimento e comunque non oltre un anno dalla scadenza dei termini di cui ai commi 2 e 3... E' fatta salva la riproponibilitÓ dell'istanza di avvio del procedimento ove ne ricorrano i presupposti".
Il suddetto termine di un anno non costituisce un vero e proprio termine di decadenza, regolato dagli articoli 2964 e ss. cod. civ., ma una mera presunzione legale assoluta, avente ad oggetto la persistenza dell'interesse ad agire in giudizio per il rilascio del provvedimento richiesto, nonostante il decorso di un notevole lasso di tempo dalla data di scadenza del termine previsto dalla legge per la conclusione del procedimento. Infatti, mentre nei casi di decadenza l'inerzia del titolare della situazione giuridica soggettiva Ŕ sanzionata dal legislatore con la perdita della situazione giuridica soggettiva stessa, nella fattispecie in esame l'inerzia dell'interessato non preclude, per espressa previsione di legge, la possibilitÓ di proporre nuovamente l'istanza laddove ne ricorrano i presupposti.



Torna ai contenuti | Torna al menu